Pochi vestiti e una sola canzone: le 6 cose che ho lasciato a New York

La McMusa

Tra pochi giorni parto per la Louisiana e ho una nostalgia di New York da sentirmi male. Non ho coerenza né gratitudine, ho solo me attraversata da me. Quando andai per la prima volta a New York, a settembre del 2010, da sola e con un numero limitatissimo di cambi d’abito tanti quanti erano gli io che avevo scelto di portarmi dietro, avevo già l’entropica abitudine di camminare per strada con le cuffie nelle orecchie.

new york grigia dall'altoNon parlate con me di odore dei libri e rumori della città, il mio animo romantico viene fuori in altri modi.

La canzone che senza alcun motivo significativo girava incessantemente nell’iPod durante un viaggio – quello per le strade, i ponti, i negozi, i battelli e i sotterranei di New York – che per lo più lo si fa a piedi, era questa. Rigorosamente questa, in questa versione dal vivo. Niente ricordi particolari, niente pensieri legati…

View original post 472 more words

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s